Wimbledon 2021 – Le dichiarazioni di Matteo Berrettini dopo la finale: “So che posso vincere questo titolo”

0
361
wimbledon 2021 matteo berrettini
Matteo Berrettini - Credit: AELTC/Edward Whitaker

WIMBLEDON – Dopo due splendide settimane culminate con la finalissima di Wimbledon Matteo Berrettini si presenta ai giornalisti per la conferenza stampa di rito.

Queste le sue dichiarazioni

SULLA STAGIONE SULL’ERBA“É stata una bella stagione sull’erba, ho vinto il Queen’s e fatto finale Wimbledon. Oggi non penso di aver giocato il mio miglior match, ma il merito è di Djokovic che non mi ha fatto giocare come volevo. Per me sono state due incredibili settimane. So che posso vincere questo titolo e lavorerò per questo nelle prossime settimane e mesi per cercare di alzare questo trofeo”. 

SU DJOKOVIC “Le maggiori difficoltà me le ha create nel modo in cui ha neutralizzato il mio servizio e il mio diritto e le sensazioni che ti lascia. Il suo servizio è migliorato incredibilmente e dal punto di vista tattico è probabilmente il miglior giocatore insieme a Roger, perché ti studia e aggiusta il gioco durante il match. Ho bisogno di match come questo”.

SULLE SENSAZIONI “Una delle mie motivazioni è far provare emozioni agli altri. Sono entrato in campo sapendo che avrei dovuto giocare meglio di come ho poi effettivamente fatto. Non credo di esagerare se dico che lui è l’unico giocatore che mi poteva battere in questo torneo perché mi sentivo molto in fiducia. L’esperienza mi aiuterà. La strada è quella giusta”.

SULLA GRANDE ATTENZIONE DELL’ITALIA VERSO IL TENNIS “L’emozioni stanno un po’ uscendo e un po’ no. Sono molto fiero di quello che sto facendo, di andare dal Presidente Mattarella domani e che l’Italia ci abbia supporto. Se il tennis è entrato un po’ nelle case degli italiani grazie a me ne sono felice”.

SULLE OLIMPIADI “Pensando da che periodo arriviamo questo rende questi momenti ancora più speciali. La medaglia delle Olimpiadi? l’affrontiamo un pezzo alla volta. Vado a Tokyo perché penso di vincere una medaglia ed è sicuramente un obiettivo”.