Challenger Cordenons 2022: Bellucci e Vavassori si prendono un posto nei quarti 

0
29
Andrea Vavassori
©Staff Eurosporting Cordenons

Giornata riservata al completamento del secondo turno nella 19° edizione dell’Atp Challenger 80 di Cordenons. 

Non smette di stupire Mattia Bellucci, il 21enne varesino non dà scampo al bosniaco Damir Dzhumur ex top 25 della classifica mondiale Atp, dominato con un netto 6-1 6-2. L’allievo di Fabio Chiappini ha letteralmente annichilito l’avversario, giocando un match perfetto condito da palle corte e pallonetti da applausi, che hanno esaltato il pubblico presente sul Serena Wines 2 nonostante la canicola estiva e mandato in tilt il veterano bosniaco. Per Bellucci è il primo quarto di finale conquistato nel circuito cadetto.

Domani (venerdì 5 agosto), andrà così in scena nei quarti di finale un derby azzurro con il 27enne torinese Andrea Vavassori che ha piegato la resistenza del qualificato portoghese Joao Domingues con un doppio 7-6 7-6. “Wave” seguito da coach Fabio Della Tommasina, è partito molto contratto nei primi games dell’incontro cedendo per due volte il servizio. L’azzurro ha avuto però il merito di non mollare e dopo aver agganciato l’avversario sul 3-3, ha iniziato a giocare un match da perfetto doppista e dopo aver salvato due set point per il portoghese, si è issato al tie-break recuperando sotto 3-0, per poi chiudere 8-6.  

Nel secondo parziale Vavassori è salito 3-1, ma è incappato in un passaggio a vuoto che ha permesso a Domingues di risalire sul 4-4. Il torinese è stato freddo nell’annullare un set point in svantaggio per 6-5 e una volta approdato nuovamente al tie-break, dopo un medical timeout per un risentimento muscolare, ha ingranato le marce alte chiudendo l’incontro senza più tremare. Vavassori può così continuare a rincorrere un posto utile per entrare nelle quali degli Us Open.

Centra il piazzamento nei quarti di finale il cinese Zhizhen Zhang che ribalta un match che sembrava stregato contro il serbo Nikola Milojevic, battuto con il punteggio di 5-7 6-3 6-3. Zhang dopo un inizio caratterizzato da molti errori gratuiti, ha messo in campo il suo tennis potente e per il serbo non c’è stato più nulla da fare. Un momento d’oro per il cinese in terra friulana dopo la finale raggiunta a Trieste poche settimane fa.

Da domani (venerdì 5 agosto) a domenica 7 agosto, in concomitanza con l’Atp Challenger, si svolgerà la 3° edizione delle “Le Mie Ruote Sono Gambe”, gli sport paralimpici in vetrina tennis, padel, rugby. Apertura alle 18 di domani con la presentazione dell’iniziativa, cui seguirà alle 18:30: “La disabilità va veloce” confronto tra due piloti campioni di turismo – classe4 – ATCC – scuderia Race Ability) e Fabrizio Martinis (pluricampione nazionale ed internazionale di Rally – Scuderia MRC) con esposizione di auto da gara.

Challenger Cordenons

[Alt] A. Vavassori (ITA) – [Q] J. Domingues (POR) 7-6 (6) 7-6 (1)

N. Serdarusic (CRO) vs [LL] A. Chepelev

[SE] E. Gulbis (LAT) vs [7] A. Muller (FRA)

[Q] M. Bellucci (ITA) – D. Dzumhur (BIH) 6-1 6-2

Z. Zhang (CHN) vs N. Milojevic (SRB) 5-7 6-3 6-3