Il Lemon Bowl 2021 entra nella fase cruciale

0
217
Lemon-bowl-2021-andrea-de-marchi
Nella foto Andrea De Marchi - ©foto Adelchi Fioriti

Lemon Bowl 2021– Il Lemon Bowl 2021 entra nelle fasi cruciali. Un tiepido sole affacciatosi sulla capitale ha illuminato i 32 incontri disputati nella sede principale del New Penta 2000 e sui campi del Centro Sportivo Eschilo2. Nell’under 14 femminile brilla la stella di Fabiola Marino, giunta al penultimo atto del torneo senza cedere set. Avanti anche Mattia Baroni (under 12) ed il campione italiano Andrea De Marchi.

Massimo Valeri: “Lemon Bowl di buon auspicio per una grande stagione” – A fare il punto della situazione sullo stato di salute del tennis italiano ci ha pensato il Tecnico Federale e responsabile del settore under 16 maschile, Massimo Valeri. “Ci sono ragazzi molto interessanti che a mio avviso stanno crescendo secondo i criteri giusti”, le parole dell’ex numero 137 del ranking ATP. “Tutti si stanno dando da fare e come Federazione non possiamo che essere contenti. Riprendere a giocare e tornare a competere era fondamentale dopo un anno difficile come quello appena trascorso. Il Lemon Bowl, come primo torneo dell’anno, non può che essere di buon auspicio. Organizzare una manifestazione di tale portata in un periodo ricco di restrizioni è stato quasi un miracolo, è doveroso sottolinearlo”. Maestri e addetti ai lavori sono costantemente all’opera per la formazione, umana e professionale, dei campioni del domani. “Dal punto di vista tecnico stiamo cercando di mettere grande attenzione su colpi chiave come servizio e risposta”, prosegue Valeri. “È proprio da lì che, in un certo senso, il punto prende già una sua direzione. La categoria dei maestri sta crescendo e ciò mi riempie il cuore di orgoglio”. Da Fognini a Sinner, i più giovani hanno ormai nuovi idoli. “Dopo che per diverso tempo le fonti di ispirazione sono state grandi campioni come Roger Federer e Rafa Nadal, o gli azzurri Fabio Fognini ed Andreas Seppi, ora le cose stanno cambiando. Gli eccezionali risultati raggiunti da giovani e giovanissimi quali Matteo Berrettini, Jannik Sinner e Lorenzo Musetti avvicinano al tennis in maniera speciale. Sono esempi sani, puliti e corretti. Futuro? Roseo, senza dubbio. Oltre a loro ne stanno arrivando altri. Dobbiamo proseguire con questo entusiasmo”.

Andrea De Marchi a caccia del tris: “Il salto di qualità passa attraverso i sacrifici” – Dopo aver alzato al cielo la coppa piena di limoni nel 2015 (under 8) e nel 2019 (under 12), Andrea De Marchi non si nasconde e punta al terzo titolo, questa volta nella categoria under 14. “Sto giocando bene e sono soddisfatto del mio tennis”, commenta soddisfatto il numero uno del seeding. “Ho avuto modo di disputare i primi due incontri ‘a casa’, sui campi dell’Eschilo2, riuscendo così a trovare presto la giusta serenità. Dopo aver già vinto questo torneo in ben due occasioni è normale essere nel novero dei favoriti ma questa situazione non mi spaventa. Il salto di qualità? È dura, molto dura. Devo fare sacrifici, giocare ed allenarmi duramente ogni giorno se voglio togliermi delle belle soddisfazioni”. Il titolo di campione italiano conquistato a settembre dello scorso anno sui campi del Tennis Villa Carpena ai danni di Federico Cinà ha lasciato immutate le ambizioni del giovane tennista romano. “Sono felice del successo ottenuto in Romagna ma resto quello di sempre. Scendo in campo convinto delle mie potenzialità e deciso nel portare a casa la vittoria. Ascolto sempre le parole del mio maestro, Alessandro Galli, al quale voglio un gran bene. È soprattutto grazie a lui se sto maturando. Ora voglio vincere il Lemon Bowl, soltanto dopo penserò a programmare la stagione”.

Domani, martedì 5 gennaio, sono in programma i 12 incontri di semifinale con inizio a partire dalle ore 10.30.

Tutte le informazioni, le foto e i commenti delle passate edizioni del torneo sono disponibili sul sito web ufficiale: www.lemonbowl.it