Challenger Genova: Basso si conferma, Fonio a sorpresa

da Genova, Paolo Cresta - foto ©Paolo Cresta

Giornata ricca di incontri ed emozioni all’Aon Challenger di Valletta Cambiaso a Genova. Andrea Basso rimane l’unico genovese a passare il secondo turno grazie alla vittoria sull’ argentino Guido Andreozzi  (7-5; 4-6; 6-0).

Match molto tattico con Andrea che controlla il gioco dell’avversario e affonda nei momenti giusti i colpi decisivi; un gioco più difensivo che di attacco, ma un servizio incisivo che ben lascia sperare anche per il prossimo incontro.

L’altro argentino Federico Delbonis riesce ad avere la meglio contro il brasiliano Rogero Dutra Silva in un incontro molto fisico che finisce in tre set (4-6; 6-4 6-3). Il cileno Chistian Garin, dopo aver chiesto più volte l’intervento del fisioterapista per un dolore addominale, riesce a chiudere a proprio favore l’incontro contro il brasiliano Thiago Monteiro (6-3; 6-4;).

Contro ogni pronostico Giovanno  Fonio,  per la prima volta sui campi rossi di Genova grazie a una wild card, sfoggia un tennis elegante e vince contro il portoghese Gustavo Elias (6-4; 6-2). Stefano Napolitano non riesce ad entrare in partita e cede a Sumit Nagal (6-4; 6-2;). Pablo Andujar non riesce a portare la partita al terzo set e il gioco estroso di Dustin Brown, che tanto entusiasma il pubblico genovese, ha la meglio (6-4; 7-5). Non scappa la seconda opportunità per il brasiliano Thomas  Bellucci, lucky loser  peril ritiro dell’ austriaco Sebastian Ofner infortunato; più concentrato che nel precedente incontro, sbaglia meno e  in campo assesta micidiali servizi. Il diritto del brasiliano va a colpo sicuro contro Gian Marco Moroni che, benché cerchi di contrastarlo correndo su ogni pallina, non riesce ad opporsi (7-6; 6-3).

Termina la giornata con un match gremito di pubblico che tifa per il giovane italiano Filippo Baldi, ma lo slovacco Martin Klizan, ormai veterano a Genova, vince con disinvoltura (6-0; 6-2).