IBI 2019: Federer spazza via Sousa, oggi pomeriggio ottavo contro Coric

Di Carlo Rosati

Finalmente brilla il sole sulla Città Eterna. Con oltre 24 ore di ritardo, il pubblico del Centrale può finalmente ammirare Roger Federer. La sfida contro Joao Sousa va vista in un’ottica di doppio impegno odierno: Coric attende il vincitore nel pomeriggio, e ha dalla sua non solo 48h di riposo ma anche un saldo positivo all’anagrafe di 7 anni (impresa di Sousa) o addirittura di 15 anni nel caso della più probabile vittoria del fuoriclasse svizzero.

Federer parte aggressivo ma un po’ teso, la sensazione è che voglia accorciare al massimo gli scambi – pensando all’eventuale secondo incontro pomeridiano – e ciò ne condiziona il gioco. Lo svizzero va fuori misura con il dritto e i suoi gratuiti permettono a Sousa di tenere il campo agevolmente. Gli errori di Roger procurano al portoghese due palle break nel quarto game, annullate senza problemi. Il vero Federer al servizio si vede solo al sesto game, chiuso a zero in meno di due minuti. Federer entra improvvisamente in palla e per Sousa sono dolori: nel settimo game il lusitano si ritrova 0-40 e il break è servito alla seconda opportunità. Nel game successivo Sousa ha altre 3 palle break per il 4-4, ma Roger annulla e chiude il game con un passante incrociato in corsa da standing ovation. Sul 3-5 e servizio, Sousa annulla due set point, ma nulla può nel game successivo: Federer chiude a zero e vince il primo parziale 6-4 in 41 minuti.

La superiorità di Federer continua anche nel secondo set, in cui lo svizzero domina strappando subito il servizio a Sousa e consolidando 2-0. Le statistiche parlano chiaro: Federer vince 80% di punti negli scambi di media durata e il doppio dei punti da fondocampo, con percentuali di realizzazione sulle seconde più che doppie rispetto a Sousa. Con due turni di servizio tenuti a zero il fuoriclasse elvetico si porta 4-2, annulla altri 2 break point consecutivi e va 5-3. Il match si conclude nel game successivo, nel quale Sousa va sotto 15-40, annulla i due match point e poi altri due, ma Federer non molla e chiude alla quinta opportunità 6-4 6-3 in un’ora e venti minuti.

Appuntamento oggi pomeriggio sul Grandstand dopo Berrettini-Schwartzman per Coric-Federer, primo incontro su terra tra i due e sesto della serie (Federer conduce 3-2). Un manic Thursday così non si era mai visto a Roma.

[3] R. Federer b. J. Sousa 6-4 6-3