ATP Finals: en plein Djokovic. Zverev ultimo semifinalista

Tempo di lettura: 3 minuti

di Ciro Battifarano

Basta la sfida pomeridiana a definire il quadro delle semifinali delle Nitto ATP Finals. Con la vittoria in due set di Alexander Zverev su John Isner, anche la classifica del Gruppo Kuerten è definita, indipendentemente dall’esito dell’incontro tra Novak Djokovic e Marin Cilic. Le semifinali saranno Federer-Zverev e Djokovic-Anderson. 

Sascha Zverev diventa il più giovane semifinalista delle ATP Finals dal 2009, quando tra gli ultimi quattro arrivò Juan Martin del Potro, e riporta in semifinale un tedesco dall’ancora più lontano 2003, quando Rainer Schuettler si arrese in semi ad André Agassi. La partita odierna, come da pronostico, si gioca prevalentemente sul servizio, con entrambi i giocatori che riescono comunque ad offrire buone giocate anche nello scambio. Il punteggio scorre rapido, senza nemmeno l’ombra dei vantaggi, fino al dodicesimo gioco quando Isner si procura la prima palla break che varrebbe anche il primo parziale. Un ace di Zverev non lascia scampo e poco dopo si arriva al tie-break nel quale, la differenza, la fanno un paio di errori di dritto di Long John. Solo una vittoria in due set avrebbe lasciato una flebile speranza di qualificazione alle semifinali per Isner; perso il primo set per lui l’avventura londinese è praticamente finita. Ciò nonostante, la partita prosegue a buon livello nel secondo parziale. Anche nel secondo set saranno però decisive alcune incertezze di dritto di Isner, che nell’ottavo gioco cederà il proprio turno di battuta e manderà Zverev a servire per formalizzare il risultato.

L’ultima partita di round robin, come detto, ha ben poco da dire in termini di risultato. Per fortuna del pubblico pagante, comunque, si rivela una partita piacevole. Cuor di leone Cilic, non avendo nulla da perdere, gioca sciolto, col servizio cerca di spingere Djokovic fuori dal campo, il dritto quando può colpirlo in alto come piace a lui è letale.  Djokovic dal canto suo è altrettanto rilassato, non si affanna a trovare subito una soluzione al servizio di Cilic, nel frattempo nei suoi turni di battuta il serbo lascia poco o nulla. Nel sesto gioco Nole prova il primo assalto, si arriva ai vantaggi, arriva anche la prima palla break, Cilic si salva. Sarà l’unica incertezza del set fino al tie-break. Nel gioco decisivo nessuno lascia spazio sui propri servizi e Cilic si procura, di diritto, il primo set point. Djokovic è inscalfibile, annulla e si procura il primo set point in risposta. Cilic annulla ma sul 7-7 il numero 1 del mondo si spiana la strada con la risposta e con un dritto lungolinea vincente si procura il secondo set point, questa volta al servizio. In battuta Nole nel primo parziale ha perso solo 2 punti su 33 fino ad ora e questo non sarà il terzo.

Cilic ha poco da rimproverarsi per il set perso, di fronte ha un muro imperforabile. E il primo punto del secondo set è la prova di onnipotenza di Djokovic. Cilic gioca benissimo, sposta Djokovic da un lato all’altro ma il numero 1 recupera tutto, in ogni angolo del campo, e sulla volée di Cilic  infila un passante di rovescio in allungo che disarmerebbe chiunque.  Il croato resiste, annulla due palle break e poi una terza e resta a galla in una partita in cui sta dando davvero il massimo. Djokovic continua a servire in maniera impeccabile, sono 31 i punti consecutivi al servizio e, solo nel terzo gioco, chiuso da Cilic ai vantaggi, inizia a mostrare i primi ed unici segni di nervosismo, per qualche occasione sprecata ed una partita che potrebbe protrarsi oltre il previsto. La scossa dà i suoi frutti e nel quinto gioco Cilic va sotto 0-40, annulla con una ace la prima palla break e sulla seconda approfitta di un timido Djokovic che non approfitta di un’ottima risposta. Sulla terza però il croato pasticcia con il dritto. Game over. Djokovic non lascia più nulla, nonostante il malcapitato Cilic renda onore fino all’ultimo alla sua diciassettesima sconfitta in 19 partite contro il serbo. 

Djokovic chiude il girone a punteggio pieno ed affronterà, nella semifinale programmata in serata, Kevin Anderson, secondo classificato nel gruppo Hewitt: la rivincita della finale di Wimbledon, 7-1 i precedenti a favore di Djokovic, con Anderson vincitore soltanto del primo incontro nel 2008. Nella prima semifinale, alle ore 15 ora italiana, si affronteranno Roger Federer e Alexander Zverev (3-2 i precedenti in favore di Federer).  

Risultati gruppo Guga Kuerten:

[3] A. Zverev b. [8] J. Isner 7-6(5) 6-3
[1] N. Djokovic b. [5] M. Cilic 7-6(7) 6-2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.