ATP Gstaad: dopo la pioggia… arriva Berrettini

Di Adelchi Fioriti

Matteo Berrettini, a 22 anni e 3 mesi, raggiunge la sua prima finale in carriera battendo in due set Jurgen Zopp nel torneo ATP 250 di Gstaad.

Buone notizie dalla Svizzera!! Dopo la vittoria dello scorso anno di Fabio Fognini, abbiamo un altro italiano che disputerà domani la finale nel torneo ATP 250 di Gstaad. Matteo Berrettini ha regolato in due set il lettone Jurgen Zopp con il punteggio di 6-4 7-6. Il tennista romano ha fornito una prestazione convincente ed ha dimostrato ancora una volta di avere una maturità tennistica non usuale per la sua giovane età. L’inizio del match ha subito un ritardo di circa quattro ore per la pioggia che si è riversata sui campi in terra rossa del circolo svizzero. Si parte e c’è subito il break di Matteo, che strappa a zero il servizio all’avversario riuscendo  a conservare il vantaggio e aggiudicandosi il primo set per 6-4. L’unico momento nel quale ha rischiato di perdere il controllo del set è stato nel decimo gioco quando ha concesso due palle break sbagliando due facili dritti ma l’azzurro si è subito ripreso mettendo a segno quattro vincenti consecutivi. E’ proprio questa gestione dei momenti topici dell’incontro che fa ben sperare per il futuro. Il ragazzo è solido sia nei colpi, servizio, dritto e smorzata su tutti, sia di testa. Nel tie-break del secondo set, che ha chiuso l’incontro a favore di Berrettini, ne abbiamo avuto la riprova. Sui primi due match point avuti sul 6-4, il primo con il servizio a favore, Matteo si è irrigidito concedendo due errori gratuiti con il dritto. Il romano non ha mollato ed ha chiuso il match 8-6 con una stupenda smorzata di dritto.

I numeri del tennista romano sono notevoli: quest’oggi 9 aces e 2 sole palle break concesse; nel torneo nessun set perso, nessun break subito al servizio.

L’azzurro, che con il risultato odierno entra nei top 70, domani proverà a vincere il suo primo titolo nel circuito maggiore ed ad avvicinare la top 50 della classifica ATP. Tra l’altro sarà impegnato anche nella finale di doppio in coppia con Daniele Bracciali. Attenderà il vincente della seconda semifinale tra lo spagnolo Bautista-Agut, 17 del mondo e seconda testa di serie, ed il serbo Djere, giustiziere nel secondo turno di Coric.       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.